Blog posts

Tour tra Croazia e Bosnia

Tour tra Croazia e Bosnia

Bosnia-Erzegovina, Croazia
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Alla scoperta dei Parchi Nazionali

Il nostro tour tra Croazia e Bosnia:

Per le nostre vacanze di ferragosto abbiamo deciso non solo di addentrarci nelle zone più interne e da noi ancora inesplorate lungo il confine Croato-Bosniaco, ma di farlo anche nel modo più low-cost possibile (ovviamente rispettando i nostri criteri di “comodo vivere”), non dobbiamo rendere conto a nessuno delle nostre spese ovviamente, ma vogliamo condividerle qui con voi in questo articolo per sfatare un po’ il mito che vede la canonica settimana di Ferragosto sempre troppo costosa  per poter anche solo pensare di intraprendere un piccolo viaggio.

Il nostro itinerario (ideato e pensato cosi da noi) si snoda in un percorso di 5 giorni che ci porta non solo a scoprire i più importanti e affascinanti Parchi Naturali della zona: Parco Nazionale dei laghi di Plitvice (Croazia), Parco Nazionale di Una (Bosnia), Parco Nazionale di Krka o Cherso (Croazia), ma anche alcune delle più importanti, sotto il profilo storico, cittadine come: Bihac (Bosnia), Tenin, Sibenik e Zara (Croazia).

Giorno 1

Partenza da Venezia e arrivo in auto propria fino al Parco Nazionale dei laghi di Plitvice (350 km / 4h e 10minuti). Giornata dedicata alla visita del Parco dichiarato patrimonio dell’Unesco, formato da 16 laghi collegati tra loro da una serie di affascinanti cascate. I laghi sono visitabili attraverso delle comode passerelle di legno a filo d’acqua a da sentieri ben segnalati e facilmente percorribili. IMG_4311

Quindi pernottamento nelle vicinanze del Parco Nazionale dei laghi di Plitvice ovviamente cercando di spendere il meno possibile.

Giorno 2

Sveglia e partenza per la base militare abbandonata di Zeljava, una base aerea segreta voluta da Tito e utilizzata dall’esercito Serbo fino al 1995. Situata poco lontana dal Parco di Plitvice, si estende lungo il confine tra la Croazia e la Bosnia dove ci sono i resti di vari aeroplani, piste di atterraggio e varie gallerie sotterranee… un vero e proprio luogo insolito da visitare, in fondo a noi piacciono le stranezze 😉   aereo Zeljava

Proseguiamo poi verso la Bosnia con destinazione Bihac, una piccola cittadina bosniaca collocata sulle rive del fiume Una, nelle vicinanze del confine Croato. Nel pomeriggio proseguiamo verso il Parco Nazionale di Una (120km / 2h), un complesso naturale unico nel suo genere in questa zona d’Europa in fattore di biodiversità e ancora poco conosciuto e visitato da turismo di massa.IMG_4313

Pernottamento nelle vicinanze del Parco.

Giorno 3

Partenza il mattino presto con destinazione Sibenik, una piccola cittadina Dalmata di origine medioevale perfettamente conservata, ancora poco conosciuta, in cui ne visiteremo il centro storico e la cattedrale gotica di San Giacomo costruita nel 1402  e dichiarata patrimonio dell’Unesco, considerata una tra le più grandi al mondo. Lungo il tragitto faremo inoltre una breve sosta alla cittadina di Tenin in cui visiteremo l’omonima fortezza risalente al IX secolo e che rappresenta uno dei più grandi monumenti fortificati dell’intera Croazia (77km / 1h e 30 minuti).IMG_4316IMG_4315

Pernottamento nelle vicinanze, tra Sibenik e Parco Nazionale di Krka.

Giorno 4

Sveglia al mattino presto e partenza per il Parco Nazionale di Krka (127km / 2h e 17 minuti), uno dei più bei parchi della Croazia situato in Dalmazia tra Sibenik e Tenin. Costituito nel 1985 è composto da ben 7 cascate e si estende in una spettacolare area lungo il fiume Krka.IMG_4310

Mattinata a disposizione per goderci l’incantevole scenario naturale  del Parco Nazionale di Krka, per poi proseguire il nostro viaggio verso la capitale storica della Dalmazia: Zara, in cui ne visitiamo il centro storico con i fori romani, la chiesa bizantina di S. Donato e senza perde le meravigliose opere (Organo Marino e Saluto al Sole) dell’architetto Nikola Bašić.

Pernotteremo nelle vicinanze di Zara.

Giorno 5

Lasciando Zara, risaliamo lungo la costa croata per prepararci al nostro ritorno a casa. Quindi sosta in una delle piccole calette della cittadina di Senj, in cui ci godiamo qualche ora di meritato relax in spiaggia.

Ritorno a casa.

Ora, riusciremo a convincervi che è possibile viaggiare in alta stagione spendendo “una sciocchezza”?

Considerato il fatto che questo tour lo abbiamo intrapreso nell’ alta stagione per eccellenza (in un altro periodo le spese sarebbero state notevolmente più basse), abbiamo cercato con molta pazienza di ricercare luoghi in cui pernottare considerati “di passaggio” tra un luogo di interesse e l’altro e quindi indubbiamente più economi rispetto a zone più centrali, inoltre, affidandoci a motori come Tripadvisor abbiamo ricercato localini e ristoranti in cui pranzare o cenare senza finire nei classici posti “spenna turisti”. Cosi facendo siamo riusciti quindi, anche grazie alla nostra auto a GPL, ad abbattere il più possibile i costi di viaggio senza farci mancare comfort, relax, divertimento e avventura con un’occhio di riguardo non solo al portafoglio ma anche al comodo vivere!

Qui il resoconto delle spese di viaggio per 2 persone:

  • Spese autostradali: 34,50 euro
  • Spese carburante: 45,50 euro
  • Spese di pernottamento (4 notti x 2 persone): 139 euro
  • Spese pasti: 150 euro
  • Spese ingressi (parchi, monumenti e parcheggi): 126,50 euro

⇒ Per un totale di 247,75 euro a persona.

Noi ci riteniamo più che soddisfatti….voi che ne pensate? scrivetecelo pure qui sotto nei commenti, siamo curiosi delle vostre impressioni! 😉

Scopri il nostro Tour completo:

Qui la mappa del nostro itinerario:


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

About the author

11 Comments

  1. Roberta
    agosto 11, 2016 at 11:25 am
    Rispondi

    Buon viaggio ragazzi! Plitvice è un mio sogno da tempo. Sono un paio di anni che prenoto e poi cambio destinazione.. chissà se la prossima estate riuscirò finalmente ad andarci. Seguirò la vostra avventura 🙂

    • guardoilmondoda1oblo
      agosto 19, 2016 at 9:28 am

      🙂 Il parco è favoloso e le foto non rendono l’idea dei colori dell’acqua e della natura circostante, se riesci ad andare ad inizio estate o ancora meglio in primavera, sarebbe ottimo per la meno affluenza di visitatori 😉

  2. Chiara
    agosto 11, 2016 at 8:21 pm
    Rispondi

    E’ da un po’ che punto quelle zone, quindi vi seguo di sicuro con molta curiosità! 🙂 Buon viaggio!

    • guardoilmondoda1oblo
      agosto 19, 2016 at 9:21 am

      Ciao Chiara, sono veramente zone stupende, soprattutto la Bosnia che è ancora poco battuta dal turismo di massa…

  3. Debora Caia
    agosto 17, 2016 at 10:06 am
    Rispondi

    buon viaggio!! Aspetto i racconti e le foto di viaggio al rientro 🙂

    • guardoilmondoda1oblo
      agosto 19, 2016 at 9:19 am

      🙂 rientrati ieri da un viaggio magnifico, a breve pubblicheremo articoli e foto 🙂 se vuoi seguirci su Facebook(guardo il mondo da un oblo-travelblog) troverai tutti gli aggiornamenti fatti in tempo reale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*